PROGRAMMA

18 MAGGIO – 2 GIUGNO 2019

In giro per le strade che hanno fatto l’Etruria propria

SABATO 27 APRILE: VOLTERRA

Inaugurazione dell’iniziativa con presentazione ufficiale del progetto Tyrrhenikà: Etruscan Heritage Route

  • 11.00 Presentazione Tyrrhenikà Palazzo dei Priori (o se non possibile altra sala alternativa)
    Interverranno:
    – Marco Buselli – Sindaco del Comune di Volterra;
    – Maurizio Amoroso – Presidente di Entertainment Game Apps, Ltd.;
    – Federico Rubini Di Collerampo – Progetto ANTICAE VIAE dell’Associazione Culturale Suodales;
    – Gherardo Noferi – Toscana Promozione Turistica;
    – Francesco Ghizzani Marcìa – Presidente Parchi Val di Cornia;
  • 12.00 Sfilata corteo storico Etrusco dal Palazzo dei Priori fino al Museo Etrusco Guarnacci;
  • 12.30 Inizio visita teatralizzata al Museo Etrusco Guarnacci;
  • 13.00 Fine Visita
  • 16.30 Cerimonia Rievocativo presso Acropoli con spiegazione Rito;
  • 18.00 Fine Manifestazion

SABATO 18 MAGGIO: VETULONIA, ROSELLE, POPULONIA

Si parte dalle lucumonie del nord

VETULONIA

  • 10.00 Presso l’Area Archeologica Nazionale di Vetulonia, al tumulo della Pietrera, si potrà incontrare Aule Feluske, guerriero etrusco di VII secolo. Sarà lui – con l’ausilio di altri armati – a raccontarci l’evoluzione dell’esercito dei Tirreni.
  • 11.00 Al Museo Isidoro Falchi di Vetulonia si terranno un laboratorio didattico (prenotazione obbligatoria) e una visita guidata teatralizzata.

ROSELLE

  • 12.00 Passando per l’Area Archeologica di Roselle, Velthur Tulumne e i suoi operai ci racconteranno, in una visita guidata, come furono costruite le mura di Roselle.
  • 15.00 Presso l’Area Archeologica Nazionale di Roselle si terrà un laboratorio didattico (con prenotazione obbligatoria) chiamato “Edificare nell’antica Etruria: tecniche di costruzione civili”.

POPULONIA

  • Ore 16.00 All’interno della lucumonia di Pupluna, nel Parco Archeologico di Populonia e Baratti, sarà il Re ad accoglierci all’interno della sua dimora – la Casa del Re, appunto – con didattiche sull’epoca villanoviana, la tessitura e degustazioni di vino.

DOMENICA 19 MAGGIO: CORTONA, CHIUSI, AREZZO

Si scende sulle città delle lucumonie toscane

CORTONA

  • Al mattino, presso il Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona, “scribi” etruschi ricostruiranno la Tabula Cortonensis spiegando l’evoluzione della scrittura etrusca.

CHIUSI

  • Al pomeriggio, presso il Museo Archeologico Nazionale di Chiusi, si terrà una rappresentazione della “Galatomachia” (combattimento con i Galli) seguendo l’iconografia del sarcofago di Laris Sentinate Larcna con spiegazione storica delle guerre contro i Galli e la ricostruzione della figura del Re Porsenna con intervista al personaggio.

AREZZO

  • Sempre di pomeriggio, la ricostruzione storica si concentrerà sull’evoluzione della scrittura etrusca e sul suo uso in ambito religioso. Seguirà poi la rappresentazione di una cerimonia oracolare all’interno del Museo Nazionale Archeologico G. Cilnio Mecenate di Arezzo.

SABATO 1 GIUGNO: ORVIETO, PERUGIA

Il fine settimana si apre con le due lucumonie umbre

  • Al mattino, a Orvieto, presso il Tempio del Belvedere, si celebra un rito, cui seguiranno, al Museo Archeologico Nazionale, visite guidate teatralizzate.
  • Durante il pomeriggio si parte alla volta del Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria a Perugia dove si potrà assistere a una ricostruzione del corteo rappresentato sul Sarcofago dello Sperandio. A seguire iniziative didattiche sulla religione etrusca.

DOMENICA 2 GIUGNO: TYRRENIKÀ; ETRUSCAN HERITAGE FESTIVAL, ROMA

A “Romarché. Parla l’archeologia” per il gran finale

Gran chiusura dell’iniziativa al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, con il Festival dell’Eredità Etrusca, nell’ambito della X edizione della manifestazione culturale Romarché. Parla l’archeologia, organizzata dalla Fondazione Dià Cultura. In questo contesto vivacissimo – caratterizzato da stand dedicati all’editoria archeologica, presentazioni di libri, tavole rotonde, filmati a tema e laboratori – sarà possibile visitare evocativi allestimenti scenici all’interno del museo, partecipare a iniziative didattiche e laboratoriali per bambini, osservare da vicino un simposio etrusco allietato da musiche, scrutare i sacerdoti mentre compiono il rito dell’aruspicina, ammirare la realizzazione di ceramiche dipinte e degustare vini e cibi antichi.

Grazie al progetto Tyrrenikà, E.G.A., in collaborazione con l’Associazione Suodales e il progetto ANTICAE VIAE, intende tracciare un ulteriore percorso di collaborazione con musei e parchi archeologici etruschi e dare così la possibilità al grande pubblico di osservare in maniera diretta ed esperienziale quella che era la vita degli Etruschi nelle sue diverse sfumature. Inoltre, grazie all’utilizzo della rievocazione storica, espediente narrativo molto apprezzato ed efficace, il pubblico potrà assistere a eventi storici e incontrare personaggi che si sono resi protagonisti della stagione etrusca della nostra storia

Anche per i più piccoli saranno organizzati tavoli e laboratori didattici coinvolgenti per approfondire alcune tematiche al fine di apprenderne al meglio i contenuti.